“I finanziamenti all’agricoltura biodinamica sono stati un grave errore”

L'appello dell'Accademia dei Lincei: "Il Senato lo riconosca e rimedi"

Il Senato riconosca il suo «grave errore» nell’aver approvato il disegno di legge sull’agricoltura biologica che comprende anche il finanziamento all’agricoltura biodinamica. L’appello arriva dall’Accademia dei Lincei, che in un documento definisce l’agricoltura biodinamica priva di ogni base scientifica e osserva che un suo eventuale finanziamento pubblico getterebbe discredito sull’Italia.

«Il diavolo è nei dettagli. E i senatori della Repubblica italiana non prestano attenzione ai dettagli. Solo così si può spiegare come la Camera alta di un paese che fa parte del G8 e attualmente presiede il G20 possa, nelle pieghe di un ddl inteso per la tutela e sviluppo dell’agricoltura biologica, aver votato quasi all’unanimità a favore delle pratiche dell’agricoltura biodinamica», si legge del documento. Il dettaglio, per i Lincei, è nell’equivoco che potrebbe far percepire “biologico” e “biodinamico” come termini simili, ma «l’agricoltura biodinamica è qualcosa di assai diverso. Talmente diverso che il nostro Senato dovrebbe riconoscere come grave errore l’avere attribuito alla biodinamica uno status tale da poter essere addirittura sostenuta e incentivata a spese dei contribuenti”, si rileva nel documento. «L’agricoltura biodinamica – prosegue l’Accademia dei Lincei – prevede infatti pratiche basate su insensate credenze esoterico/astrologiche che sembrano uscite da un trattato di stregoneria. Pratiche che non solo non hanno alcuna base scientifica o empiricamente dimostrabile, ma risultano addirittura grottesche e in molti casi ripugnanti. Pratiche che, se verranno adottate, getteranno discredito sul marchio di qualità del nostro paese, che il ddl intende invece valorizzare e tutelare».

Senza voler entrare «nel merito degli interessi che possono aver indotto a inserire l’agricoltura biodinamica in questo ddl», l’Accademia dei Lincei osserva che «per alcuni aspetti la vicenda ricorda quella del metodo Stamina» e che «si deve però imparare dagli errori del passato, e soprattutto evitare di ripeterli». L’auspicio è che «come a suo tempo nel caso Stamina, la Camera dei deputati emendi la legge. Il biologico è ormai una realtà importante del nostro sistema agroalimentare, così come l’attenzione verso la salubrità degli alimenti, e questo ddl è non solo opportuno ma tempestivo e necessario. Il biodinamico però non può e non deve assolutamente rientrare in questo ddl: è necessario e sufficiente che questo termine venga eliminato dal testo».

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter