Drosophila suzukii verso la sconfitta

In provincia di Verona continua il lavoro di sperimentazione contro l\'insetto nemico dei ciliegi

Una strategia per la lotta alla Drosophila suzukii, l’insetto che ha già causato gravi danni in tutta Italia e soprattutto al ciliegio nel veronese, è tra le priorità di Coldiretti. In provincia di Verona i danni ammontano a diversi milioni di euro per gli agricoltori che, in assenza di fitofarmaci sul mercato adatti a combattere questo insetto, hanno perduto dal 25 al 30% del raccolto. Coldiretti sta valutando, insieme ad aziende produttrici di prodotti fitosanitari, possibili soluzioni di difesa integrata per combattere efficacemente l’insetto e impedire che nella prossima campagna agraria si verifichino i medesimi danni registrati quest’anno.

A tal proposito, si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tecnico nella sede veronese dell’organizzazione con Annalisa Saccardo (area ambiente e territorio della Coldiretti nazionale), Pietro Piccioni (direttore di Coldiretti Verona) e numerosi agricoltori provenienti da tutta la provincia. Tra gli obiettivi dell’incontro, raccogliere le indicazioni e i suggerimenti degli imprenditori agricoli al fine di riportarli alle aziende produttrici.

La preoccupazione è forte: a rischio ci sono 15.000 tonnellate di ciliegie, di cui circa il 50% destinate all’export. «Per trovare una soluzione a questo terribile moscerino infestante – ha detto Annalisa Saccardo – Coldiretti sta incontrando due multinazionali, DuPont e Dow Agrosciences, che hanno illustrato i loro studi per combattere la Drosophila. La molecola studiata da DuPont è la cyazypyr, sperimentata negli Stati Uniti a partire dal 2011. La sostanza attiva agisce sui muscoli degli insetti, bloccandoli, e di conseguenza poi l’insetto muore. Dopo due giorni dal trattamento, gli insetti possono essere ancora vivi ma la sostanza attiva li immobilizza. Da un punto di vista ambientale, la sostanza attiva non è tossica per l’uomo, e il suo effetto è trascurabile sulle piante, su mammiferi, pesci e uccelli, su alghe e piante acquatiche, e soprattutto non ha effetti sulle api. I risultati della sperimentazione mostrano che con soli 1,8 grammi si abbattono il 90% delle uova; ma non è possibile eliminare il 100% della Drosophila. Si arriva ad eliminarne l’80%: queste percentuali consentano comunque di salvare gran parte del raccolto».

Ci sono già sperimentazioni in Italia, attraverso l’istituto Iasma, nel centro sperimentale a S. Michele all’Adige (TN) per i frutti di bosco e attraverso Agrea centro di saggio in provincia di Verona. Le sperimentazioni sul ciliegio sono iniziate nel 2013, partendo dal presupposto che se la molecola funziona sui frutti di bosco può essere efficace anche sul ciliegio. Coldiretti intende sostenere la richiesta di registrazione del cyazypyr. Nel 2011 DuPont ha presentato domanda di registrazione con il dossier a Bruxelles, nel 2014 chiederà di registrare i formulati e il prodotto sarà pronto per la campagna 2015. Per la prossima campagna agraria, Coldiretti chiederà a gennaio l’uso d’emergenza per 120 giorni al fine di coprire tutte le colture colpite da Drosophila.

«La molecola della Dow Agrosciences è invece spinetoram – ha continuato Saccardo – In Francia e Spagna, dallo scorso anno, sono autorizzati usi di emergenza per Drosophila con spinetoram. Principio attivo è Saccharopolyspora spinosa ed è altamente compatibile con i programmi di difesa integrata. Il profilo tossicologico e ambientale è favorevole. Al momento tutti gli enti ufficiali stanno chiedendo di anticipare la registrazione in Italia e in particolare, dallo scorso anno, chiedono di presentare istanza per gli usi di emergenza sui piccoli frutti e le ciliegie. Coldiretti sosterrà la richiesta di registrazione dello spinetoram e richiederà l’uso d’emergenza».

«I nostri agricoltori – ha sottolineato Piccioni – hanno provveduto quest’anno ad effettuare un monitoraggio delle colture e si sono attivati con trappole alimentari, ma i risultati non sono stati soddisfacenti. Queste azioni, unite ai nuovi prodotti di cui Coldiretti sta seguendo la ricerca, potranno realizzare una strategia di lotta integrata al moscerino. Ci auguriamo, anche, che l’anno prossimo il clima sia più favorevole e meno piovoso di quest’anno. L’umidità aumenta, infatti, il proliferare della Drosophila. L’agricoltura italiana si trova in una situazione difficile, con norme sempre più restrittive sull’uso di principi attivi. Quelli a basso impatto ambientale sono spesso inefficaci e necessitano di essere somministrati più volte. L’auspicio è che le amministrazioni pubbliche competenti in materia di fitofarmaci si rendano conto dell’emergenza che sta provocando tale insetto nella frutticoltura italiana e che, al momento in cui sarà chiesto di autorizzare delle molecole per combatterlo efficacemente, non siano posti inutili ostacoli alla commercializzazione di nuove sostanze attive. Basti pensare ai danni che la diffusione di tale insetto potrebbe provocare (come sta già facendo) nel settore della frutta».

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter