Erba medica, fissato prezzo 2018 semente

ERBA_MEDICA_835.jpg
Il Comitato economico per la moltiplicazione delle sementi foraggere ha stabilito in 1,3 euro/kg il prezzo interprofessionale per la semente in natura certificata.

In occasione della riunione tenutasi a Bologna, il Comitato economico per la moltiplicazione delle sementi foraggere operante nell’ambito del Contratto quadro nazionale per la moltiplicazione delle sementi foraggere ha indicato il prezzo di riferimento per la semente di erba medica in natura certificata in 1,30 €/kg, per prodotto pulito, al netto cioè di ogni tara e scarto, così come di eventuali premialità aggiuntive.

«Si tratta indubbiamente di un segnale positivo che le strutture aderenti all’accordo interprofessionale hanno voluto dare al settore nell’ottica di una continua qualificazione delle produzioni sementiere italiane», ha affermato Roberto Guarnieri, coordinatore del Comitato e rappresentante della parte industriale. «La definizione di tale prezzo non è stata semplice e ha richiesto diversi incontri del Comitato interprofessionale in quanto influenzata dai risultati produttivi di assoluta rilevanza ottenuti nella scorsa campagna, così come nella presente, e fortemente condizionata da un mercato nazionale ed internazionale ancora molto bloccato».

«Il mercato della semente di erba medica è particolare, che risente della poliannualità della coltura e nel 2018 anche di un andamento stagionale non proprio favorevole che ha visto il crollo dei prezzi rendendo la destinazione a seme non remunerativa per le aziende agricole», ha sottolineato Alessandro Lualdi, presidente del Coams, il Consorzio degli agricoltori moltiplicatori di sementi e membro del comitato. «Si tratta di una produzione che qualifica il settore agricolo italiano: riconosciamo lo sforzo fatto quest’anno per sostenere un comparto che necessita comunque di una programmazione nel breve-medio periodo, per assicurare elevati standard produttivi e soddisfazioni economiche per gli operatori», conclude Lualdi.

Le statistiche ufficiali del CREA-DC, anche se si tratta di dati ancora non definitivi, evidenziano che nel 2018 sono stati poco meno di 50.000 (lo scorso anno erano 37.655) gli ettari per i quali è stata presentata domanda di controllo in campo ai fini della certificazione, con un trend in continua crescita ormai da un quinquennio. Riguardo le produzioni di seme al momento non sono ancora disponibili i dati ufficiali anche se le avverse condizioni ambientali registrate durante il ciclo produttivo lasciano prevedere risultati inferiori a quelli della passata stagione.

fonte: comunicato stampa Comitato economico moltiplicazione sementi foraggere

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter