Tartufo, quotazioni a partire da 2000 euro/kg

La siccità ha determinato una scarsa presenza del tubero

Ogni autunno sono migliaia gli appassionati raccoglitori di funghi che si recano nei luoghi giusti per cercare i tartufi. Un prodotto piuttosto raro e venduto a caro prezzo, ma che quest’anno, a causa della siccità che ne ha centellinato la crescita, ha raggiunto una quotazione stellare: tra i duemila e i quattromila euro al chilogrammo per il tartufo bianco, contro un prezzio medio che si è sempre aggirato tra gli ottocento e i mille euro. Un business che genera ogni anno un volume di affari di circa mezzo miliardo di euro.

La stima è di Coldiretti, che l’ha divulgata un occasione dell’apertura della stagione del tartufo bianco di Alba (dove lo scorso anno due tartufi di 503 e 750 gammi sono stati venduti per 98 mila euro). Afferma il comunicato dell’associazione agricola: «Per rimediare alla carenza di tartufo servirebbe una lunga pioggia nei prossimi giorni, anche se l’arrivo delle precipitazioni in un’estate con il 48% di piogge in meno della media non risolverebbe del tutto la scomparsa del prodotto. A fare la danza della pioggia, oltre ai raccoglitori, sono i tanti buongustai che devono affrontare già una crisi economica sempre più grave».

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter