Agricoltura, aumentano i lavoratori dipendenti

Si tratta del settore che in Italia garantisce maggiore occupabilità

L’agricoltura è il settore che in Italia registra il maggiore aumento di lavoratori dipendenti. Con l’incremento di assunzioni del +3,6% nel 2012 segnalato dall’Istat, in controtendenza rispetto all’andamento generale di aumento di disoccupazione del nostro paese, in tutta la penisola l’agricoltura continua a garantire l’occupabilità nonostante il momento economico difficile.

Il centro Italia è la zona con il maggiore incremento (+11,2%), seguito dal nord (+7,2%) e dal sud (+1%). Peraltro, Coldiretti stima che un lavoratore dipendente su quattro in agricoltura abbia meno di 40 anni: si tratta di un ulteriore elemento positivo per il settore, che con l’impiego di giovani e immigrati aiuta a migliorare la situazione di occupabilità.

Dall’altra parte, tuttavia, non cessa il calo dei lavoratori indipendenti, dovuto in parte ai processi di ristrutturazione che stanno portando a un aumento della dimensioni aziendali medie.  Coldiretti segnala che i lavoratori indipendenti si riducono in media del 3,7%, con un calo più accentuato nel centro Italia (-10,8%) e nel sud (-4,5%) rispetto al nord (-1%).

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter