CCPBGiugno 1, 20123min6030

La sostenibilità nell’agroalimentare fra gas serra, consumi idrici, energie rinnovabili e biologico

Tavola rotonda in occasione dell\'assemblea di bilancio del consorzio Il Biologico

In occasione della 24^ assemblea generale di bilancio del consorzio Il Biologico, che si svolgerà venerdì 1° giugno 2012 presso l’agriturismo "La Lupa" di Castelfranco Emilia (via Cassola di Sopra, Loc. Piumazzo), alle ore 11 è in programma una tavola rotonda dal titolo "La sostenibilità nell’agroalimentare fra gas serra, consumi idrici, energie rinnovabili e… biologico".

 

 

 

Relazione introduttiva

Giuseppe Garcea (CCPB srl, Bologna): Un nuovo modello di valutazione per la sostenibilità ambientale delle filiere agroalimentari

Tavola rotonda

Moderatore: Lorenzo Frassoldati (direttore Corriere Ortofrutticolo)

Partecipanti: Germana Olivieri (LCA Lab spin off ENEA, Bologna), Giorgio Ragaglini (Land Lab Scuola Superiore di Sant’Anna, Pisa), Simone Fazio (DISTA – Università di Bologna), Stefano Bontempi (CIRI Energia e Ambiente – Università di Bologna).

Riflessioni conclusive

Roberta Chiarini (dirigente Servizio Percorsi di Qualità, Relazioni di Mercato e Integrazioni di Filiera – Regione Emilia Romagna)

 

La tavola rotonda ha lo scopo di fare chiarezza sul tema della sostenibilità e sui parametri che possono essere presi a paradigma per poterla oggettivizzare, non dimenticando che, oltre alla sostenibilità di tipo ambientale, si deve declinare anche quella sul versante sociale ed economico. A questo proposito, CCPB srl ha definito un modello di valutazione dei cosiddetti impatti ambientali, ovvero delle emissioni in gas serra, del consumo idrico, del potenziale eutrofizzante e acidificante dell’acqua solo per citare quelli più importanti fra i dieci censiti, attraverso i quali definire una sorta di "carta d’identità" per unità funzionale (Kg, lt) di prodotto, per ettaro o per processo produttivo considerato. Un approccio di filiera tramite il quale misurare l’impatto ambientale di ogni singolo soggetto che vi partecipa attraverso l’analisi degli input e il calcolo LCA (ciclo di vita) del prodotto e del processo produttivo che ne sta alla base. L’applicazione di tale modello consente di misurare il processo produttivo giungendo al calcolo, ad esempio, dei gas serra in gr o kg di CO2 equivalente o del consumo idrico in lt d’acqua o di altri parametri di impatto per poi, desiderandolo, impostare progetti di miglioramento nel tempo.

Per informazioni: gbiguzzi@ccpb.it – egibertini@ccpb.it – 051 6089811.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter