In Spagna e Italia cresce la produzione di aglio

Il paese iberico è il principale produttore e continua a guadagnare quote di mercato

L’Italia e la Spagna aumentano la produzione di aglio mentre la Francia perde quote di mercato. Questa è la tendenza emersa analizzando i dati dei tre principali paesi produttori di aglio in Europa sud-occidentale: il maggiore incremento va alla Spagna col +10%, mentre l’Italia si è fermata al +5%. Per la Francia, invece, la perdita ammonta al -10%.

La Spagna rimane tuttora il principale produttore di aglio di questa area: nel 2011 si sono contati ben 16 mila ettari di terreno per questa coltivazione, che hanno fruttato 146 mila tonnellate di aglio. L’Italia ha vissuto più difficoltà a causa di un inverno particolarmente secco: le tonnellate raccolte erano 30 mila nel 2010, e aumentate solo del 5% quest’anno.

Drastico è il calo francese, che normalmente si attesta sulle 20 mila tonnellate e che, per colpa delle basse temperature di febbraio, perderà almeno il 10%.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter