A Berlino si rilancia l’ortofrutta italiana

Alleanza per le Cooperative Italiane, Fruitimprese, Italia Ortofrutta e Unaproa, in una tavola rotonda organizzata da CSO a Fruit Logistica, discutono delle future strategie sull\'ortofrutta.

Il rilancio del settore ortofrutticolo in Italia è un tema di grande attualità in questo momento così cruciale, anche per la discussione in corso sulle nuove politiche comunitarie. Il settore ortofrutta vale il 31% della PLV agricola italiana, e rappresenta un’asse portante dell’economia agricola europea. Le grandi sfide di questo momento e la profonda crisi che il settore sta vivendo in termini di prezzi alla produzione, redditività per le aziende agricole e diffuso calo dei consumi, spinge verso la necessità di un grande rilancio, incentrato su alcuni elementi chiave che sono stati discussi oggi in Piazza Italia, il workshop tenutosi oggi alla fiera Fruit Logistica di Berlino.

A presiedere la tavola rotonda che ha visto la partecipazione di tutte le rappresentanze dell’ortofrutta organizzata, il Cavalier Paolo Bruni (nella foto, a destra), in qualità di presidente di Cso, il Centro Servizi Ortofrutticoli che ha organizzato e ospitato l’incontro all’interno dello stand Piazza Italia.

«L’Italia – ha dichiarato Bruni – produce un totale di 36 milioni di tonnellate di frutta e verdura, e questo dato ci colloca al primo posto in Europa: è evidente che uno dei punti chiave su cui focalizzare i nostri sforzi per rilanciare la competitività del settore è legato alla nostra capacità di dare nuovo impulso all’export».

Oggi l’Italia, secondo dati elaborati da Cso, esporta un totale di 3.800.000 tonnellate di ortofrutta, pari al 13% della produzione; analogamente si parla di 2,5 milioni di tonnellate di frutta, pari al 14% della produzione; 300.000 tonnellate di agrumi e 1 milione di tonnellate di ortaggi, pari ad appena l’11% della produzione: è evidente da questi numeri che le potenzialità di crescita sono molto ampie.

A rimarcare la necessità di mettere a punto strumenti strategici per l’export è Davide Vernocchi di Alleanza per le Cooperative italiane: «Dobbiamo agire tempestivamente e in modo coordinato per poter creare le condizioni di apertura di nuovi mercati attraverso l’abbattimento di quelle barriere, ad esempio per le mele e le pere in Usa, che oggi sono utilizzate spesso come strumento distorsivo per il libero scambio delle merci. È importantissimo che l’Unione Europea presti una maggiore attenzione ai produttori di ortofrutta che versano in questo momento in una crisi spaventosa».

E Gino Peviani, presidente di Fruitimprese, concorda con la tesi di Alleanza cooperativa evidenziando la necessità di mettere a punto un sistema di tutela finanziario-assicurativa per le imprese che si affacciano ai nuovi mercati: «È necessario che il sistema Italia si rafforzi per affrontare mercati sempre più complessi con strumenti efficaci, coordinamento, elasticità e dotazioni tecniche per migliorare la competitività».

Ma lo sviluppo dell’export non può che essere accompagnato da un rafforzamento delle Organizzazioni dei produttori in Italia, come rimarca il presidente di Unaproa Ambrogio De Ponti: «Occorre che il nostro sistema sia coeso e strategicamente finalizzato ad ottenere risultati importanti anche utilizzando lo strumento della promozione attraverso progetti europei, un valido aiuto per le imprese sia in Italia che all’estero».

La tavola rotonda di Fruitlogistica ha offerto un’ottima opportunità alle Organizzazioni ortofrutticole italiane di condividere strategie, come ha rimarcato Gianni Petrocchi di Italia Ortofrutta: «Siamo di fronte ad un momento di accesa discussione in Europa sulla riforma della Pac e sull’Ocm unica. Vogliamo mettere in campo tutta la nostra competenza ed esperienza per discutere e mettere a punto strumenti efficaci di gestione delle crisi, che possano essere un valido supporto alle aziende quando i prezzi alla produzione non coprono nemmeno i costi sostenuti».

Ha concluso i lavori Dario Stefano (nella foto, al centro), coordinatore degli assessori regionali all’agricoltura, che ha dichiarato: «La coesione e l’univocità sono elementi che danno forza e rilevanza alle istanze rivolte al governo. Mi farò portavoce diretto di queste istanze in sede di Conferenza Stato-Regioni, evidenziando la grande novità del sistema ortofrutticolo italiano: la scelta del dialogo per individuare priorità e strategie comuni. Si tratta di un approccio nuovo, che viene da un comparto che è tratto identitario dell’agroalimentare italiano e del Made in Italy in generale (vale 12 miliardi di euro) e che ci può consentire di lavorare meglio per modificare una politica europea troppo lontana dai temi dello sviluppo».

Cinzia Zanella (ufficio stampa Cso)

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter