Maltempo, in agricoltura danni per 10 milioni

Il peso della neve distrugge le strutture e le coltivazioni, i trasporti sono bloccati e il cibo deperisce in magazzino: è emergenza nazionale.

Il deprezzamento degli alimenti reperibili, che a causa della grande neve caduta in questi giorni non sono stati trasportati per essere venduti, ha provocato danni per almeno dieci milioni di euro. La stima è di Coldiretti, che guarda allarmata alle produzioni di frutta, verdura, latte e carne rimaste nei magazzini a marcire: si tratta di almeno 50 mila tonnellate di cibo.

Ma questo è solo uno degli aspetti dell’ondata di neve e gelo che ha colpito il centro-nord d’Italia e che si sta spostando sempre più a sud. La discesa in picchiata della temperatura – passata da temperature miti a meno dieci gradi in pochi giorni – ha infatti sottoposto le coltivazioni a un grave stress termico: ad essere maggiormente colpiti sono le coltivazioni a campo aperto (cavoli, cicorie, verze, radicchi, broccoli e carciofi) nonché gli ulivi e le viti. Per non parlare del peso della neve, che in numerose zone ha superato il metro di altezza, facendo cedere le strutture agricole.

Il grande freddo – il più grave dal 1985 ad oggi – sta causando problemi anche nelle serre, dove il riscaldamento va tenuto sempre più alto: la conseguenza è il rincaro delle bollette, già notevolmente aumentate a causa del caro-gasolio deciso dal governo Monti.

E la situazione non migliorerà nei prossimi giorni: Confagricoltura ha evidenziato che l’ondata di freddo polare e la neve si stanno trasferendo al Sud, dove si colloca il 70% del valore commerciale della produzione ortofrutticola.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter