Agrinotizie » NEWS » attualità

Ismea: 'Credito agricolo a due volocità'

L'istituto denuncia un eccessivo divario del credito agrario tra nord e sud Italia

agricoltura

Finanziamenti inferiori alle richieste, alti tassi di interesse e lunghi tempi di istruttoria ostacolano l'accesso al credito delle aziende agricole soprattutto del centro e del sud d'Italia. Secondo un'analisi Ismea dei dati Sgfa basata sugli ultimi sei anni, la dinamica del credito agrario ha fatto emergere un forte divario tra nord e centro-sud, con le aziende agricole delle regioni del nordest e del nordovest che hanno beneficiato di un incremento medio annuo delle erogazioni bancarie rispettivamente del 3% e dell'1%, a fronte di un crollo dei finanziamenti del 15% nel centro e dell'11% al sud. A livello nazionale si registra una flessione media annua di 3 punti percentuali.

La stretta sulla concessione dei prestiti ha profondamente mutato la geografia del credito nel settore primario. Mentre nel 2007 la distribuzione era piuttosto omogenea a livello di macroaree, oggi si assiste a una marcata polarizzazione, con il nord che da solo intercetta oltre il 70% delle erogazioni bancarie complessive, nonostante un minor numero di imprese agricole presenti sul territorio. Ma a cambiare è anche la struttura stessa del credito. Diminuiscono i finanziamenti di medio termine, risultano pressoché stazionari quelli di lungo periodo, mentre aumentano i prestiti a breve, ossia quelli destinati a finanziare l'attività corrente, che seppur minoritari nella composizione complessiva del credito agrario hanno raddoppiato la loro incidenza dal 2007 a oggi.

Analizzando le principali dinamiche a livello regionale, si osserva come nel nordovest la Lombardia concentri la quota maggiore dei finanziamenti (64% nel 2012), mentre il Piemonte registri l'andamento migliore (+2% la variazione media annua degli ultimi 6 anni). Tra le regioni del nordest è invece l'Emilia-Romagna ad assorbire la fetta più ampia del credito (48% del totale d'area) e a registrare il tasso di crescita medio annuo più sostenuto (+7%). Nel centro Italia le aziende toscane si aggiudicano il 44% delle erogazioni bancarie; sugli sviluppi del credito il risultato peggiore è invece quello del Lazio, con una flessione media annua del 19%. Riguardo infine al sud, l'Abruzzo intercetta i maggiori finanziamenti bancari dell'area (24% del totale), mentre la Calabria, dal 2007 a oggi, ha visto i prestiti alle aziende agricole ridursi a un tasso medio annuo del 23%.

Agrinotizie.com, 28/09/2013