Confagricoltura chiede riduzioni su Imu e Iva

Mario Guidi continua a pressare Monti per salvaguardare il settore, schiacciato da troppe tasse

Confagricoltura continua a premere sul governo perché conceda le agevolazioni fiscali agli agricoltori, che stanno vivendo un aumento di spese senza precedenti. Il governo Monti ha infatti raddoppiato l’imposta Imu, ma non ha mantenuto la promessa di ridurre l’aliquota. C’è poi il caso particolare degli agricoltori emiliani, colpiti da uno sciame di terremoti senza precedenti, che ha sconvolto il ricco comparto agricolo di questa regione: per loro, il presidente Guidi chiede una riduzione dell’Iva. Riportiamo qui di seguito i due comunicati di Confagricoltura.

– – –

Imu, Guidi: l’imposta è raddoppiata, il governo mantenga la promessa della riduzione dell’aliquota

L’Imu è stata un salasso anche per il mondo agricolo. Confagricoltura commenta i primi dati sugli anticipi versati dai produttori sui terreni e sui fabbricati; mentre per gli immobili rurali non accatastati il versamento sarà in una unica soluzione entro il 17 dicembre. Confagricoltura ha evidenziato un esempio concreto: un’azienda risicola di Pavia di circa 50 ettari che pagava di Ici 3.588,23 euro, e paga come Imu 7.272,16 euro, ovvero 3.683,92 euro in più (+103%). «Personalmente – ha dichiarato il presidente di Confagricoltura Mario Guidi – per la mia azienda ho versato come acconto Imu terreni esattamente il doppio di quanto versavo di Ici. Attendiamo le stime ufficiali sull’Imu agricola, ma siamo convinti che il gettito, come avevamo previsto, vada abbondantemente al di là della cifra complessiva preventivata dal governo. Quindi va rispettata la promessa della riduzione dell’aliquota».

– – –

Terremoto: Confagricoltura chiede agevolazioni Iva per le aziende danneggiate

Servono risposte concrete e tempestive per le imprese colpite dagli eventi sismici. In tale ottica Confagricoltura ha chiesto appositi interventi agevolativi in materia di Iva, per favorire il ripristino, la ristrutturazione e la costruzione dei fabbricati e degli altri beni strumentali distrutti o danneggiati dal terremoto. Gli agricoltori chiedono risposte immediate ed efficaci e l’intervento sull’Iva può essere un primo utile strumento per un’economia che ha subito danni al patrimonio aziendale (impianti, strutture e macchinari) per circa 800 milioni di euro. L’intervento sollecitato consiste nel riconoscere agli agricoltori, che applicano il regime speciale Iva, la detrazione o il rimborso dell’imposta sull’acquisto dei beni e servizi relativi a questi interventi. La misura, poi, andrà implementata con la sospensione delle norme che riguardano la rettifica della detrazione, in caso di passaggio dal regime ordinario a quello speciale. Questi interventi dovrebbero, a parere di Confagricoltura, avere una durata almeno biennale, con l’applicazione delle opportune garanzie per il riconoscimento dei danni effettivi.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter