Unimpresa: ‘Stop ai fondi per il falso made in Italy’

Il segretario generale Ferrara denuncia i finanziamenti contro il pecorino sardo prodotto in Romania e altri simili casi

«Il credito di imposta per innovazione e ricerca rappresenta di sicuro uno stimolo e un supporto importante per tutelare la nostra produzione e il made in Italy in generale. Occorre però evitare, con particolare riferimento all’agroalimentare, di far arrivare i soldi pubblici italiani a prodotti realizzati all’estero e riciclati come italiani». È la posizione di Unimpresa Agricoltura, espressa dal segretario generale Emilio Ferrara (nella foto).

«L’esempio più discusso in queste settimane è quello di un formaggio tipicamente italiano come il pecorino sardo, ma prodotto completamente in Romania con i soldi dello Stato italiano, che ha incentivato la delocalizzazione e finanziato chi, dall’estero, produce e commercializza prodotti che di italiano hanno ormai soltanto il nome, perché fatti con materie prime e manodopera estera. In pratica prendono i soldi italiani e la fama del made in Italy, ma portano lavoro e ricchezza all’estero».

La Federazione Agricoltura di Unimpresa chiede al Governo che i finanziamenti pubblici vengano destinati alle imprese «che producono e creano lavoro in Italia e a quelle che vogliono ritornare a produrre nel nostro paese».

«Confidiamo nell’impegno del ministro Passera – conclude Ferrara – affinché si vieti che lo Stato, direttamente o indirettamente attraverso società finanziarie controllate dai ministeri, investa risorse pubbliche per finanziare produzioni all’estero».

Fonte: comunicato stampa Unimpresa Agricoltura

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter