Energia dalle olive, l’Italia ci prova

Un accordo tra Assoelettrica e Interprofessione dell\'Olio d\'Oliva punta al ricavo di energia termoelettrica dagli scarti della spremitura delle olive.

Con la tecnologia di cui siamo dotati al giorno d’oggi, si riesce a ricavare energia da ogni tipo di fonte naturale. E così, dopo la scoperta della maniera di ricavare bioetanolo dalla canna comune, ora è il momento dell’energia termica ed elettrica dalle olive. Se verrà sviluppata adeguatamente, questa nuova tecnica potrebbe alimentare ulteriori guadagni per i produttori di olio, che nel nostro paese sono molto numerosi. Ma, per adesso, esistono solo delle nobili intenzioni.

A far sperare gli olivicoltori è infatti un semplice accordo tra Assoelettrica, associazione che riunisce i produttori di energia elettrica, e Interprofessione dell’Olio d’Oliva, di cui invece fanno parte Cia, Confagricoltura, Unasco, Copagri, Cno, Aipo, Legacoop Agroalimentare, Federolio, Associazione Frantoiani d’Italia, Assitol e Agci-Agrital. L’accordo prevede appunto di favorire lo sviluppo del business dell’energia ricavata dalla sansa di olive, ovvero dagli scarti di buccia, polpa e nocciolo che rimangono dopo la spremitura.

La sansa di olive, secondo Assoelettrica e IOO, sarebbe potenzialmente una grande fonte di energia non solo elettrica, ma anche termica, e tutto ciò, se studiato e messo in pratica adeguatamente, potrebbe rilanciare l’intera filiera olivicola italiana, con notevoli guadagni per tutto il settore primario.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter