Raccolta delle patate

Al PotatoEurope di Hannover si parla della pessima raccolta 2010: rese fino al -20%, prezzi al +50%.

Il mercato della patata si preannuncia in tumulto, con ingenti cali di rese e dunque aumenti dei prezzi. E’ quanto è emerso ad Hannover, diventato per tre giorni il centro del mondo della patata grazie a PotatoEurope, l’evento tenutosi dal 7 al 9 settembre diventato in cinque anni l’appuntamento principale per gli operatori del settore. Al salone, infatti, oltre ai diecimila visitatori erano presenti circa duecento espositori provenienti da sedici paesi diversi – per la maggior parte nordeuropei – che hanno tanto parlato della raccolta pataticola di quest’anno, caratterizzata da un grande ritardo a causa della primavera fredda e dell’estate divisa fra il caldo secco di giugno e luglio e le consistenti piogge di agosto.

Date queste condizioni, gli operatori presenti ad Hannover sono stati cauti sulle previsioni, ma in generale tutti temono una scarsa resa, e dunque l’aumento dei prezzi. Le aspettative, secondo le statistiche erogate dai traders, si aggirano dal -5 al -10% delle rese in Olanda, dove la raccolta ha tardato di due settimane, dal -10 al -15% in Germania, dove il ritardo è stato di ben tre settimane, e addirittura dal -20 al -50% in Russia. Viste queste tragiche previsioni ci si aspetta dunque un aumento dei prezzi di circa il 50% in più rispetto al 2009: una situazione preoccupante, dato che la patata è il quarto alimento più consumato al mondo. D’altronde, sembra che lo scenario dipinto dai traders non sia sbagliato più di tanto: già in aprile le statistiche hanno registrato l’aumento dei prezzi del tubero di oltre il 50% in più in un anno.

Ma, oltre a queste cattive notizie, al salone di Hannover si è parlato tanto anche del futuro della meccanizzazione pataticola, e con molto più ottimismo. Le nuove macchine presentate dagli operatori tedeschi, olandesi e belgi (17 raccoglitori, 10 trapiantatrici e 5 nuove linee di pulizia e carico) hanno infatti dimostrato come la tecnologia stia aumentando sempre più l’efficienza della raccolta automatica, ora molto delicata per non rovinare il tubero, ma allo stesso tempo molto più rapida e veloce.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter