Valtra N121 Advance

Il gioiellino finlandese ha il miglior rapporto potenza-peso della sua categoria

Valtra si fa valere anche con le sue creature più piccole. Il trattore N121 Advance, infatti, con i suoi soli quattro cilindri non si limita unicamente ai lavori di fienagione, ma compie in modo eccellente anche le operazioni di spandimento del concime, preparazione del terreno e trasporto, dimostrando grande resistenza, forza e durata nel tempo. D’altronde, tutte le macchine della serie N di Valtra compongono una squadra di mezzi leggeri e maneggevoli, ma con il miglior rapporto peso-potenza rintracciabile nel mercato. Questo grazie soprattutto ai propulsori SisuDiesel, che sono da 4400 cc negli N82, 92, 101, 111 e 121 Hitech, e da 4900 cc negli N141 e 121 Advance. Quest’ultimo è il modello più equipaggiato: la potenza nominale è di 133 cavalli, quella massima di 154; la coppia raggiunge invece i 540 Nm a 1500 giri, ben il 10% in più rispetto ai modelli precedenti.

Nonostante le ridotte dimensioni del motore, bielle, pistoni e camicie sono gli stessi in dotazione ai motori da sei cilindri e 7400 cc: un dettaglio non da poco, a confermare la grande attenzione che la casa finlandese dedica alla qualità dei propri mezzi. La gestione elettronica del motore, poi, arricchisce l’N121 Advance di tante interessanti funzioni: arrestando il motore e tirando il freno a mano, i giri calano automaticamente a 650, mentre l’Ecopower dà la possibilità allo stesso tempo di aumentare la durata e la potenza del motore, ma ridurre il rumore, le vibrazioni e i consumi del 10%. Non è inoltre da dimenticare il Cruise Control, che permette di impostare il regime del motore e la velocità di trasferimento, utile sia per strada che mentre si lavora il terreno.

Per quanto riguarda la trasmissione, il cambio è in tutto a 24 velocità: quattro marce meccaniche, due gamme e tre rapporti sotto carico, con gli optional del super riduttore e della trasmissione full powershift. Esistono inoltre due modalità automatiche per le marce sotto carico: l’Auto1 cambia i rapporti secondo criteri preimpostati dalla casa costruttrice, mentre l’Auto2 ha i parametri impostabili dall’operatore. Entrambe le modalità sono comunque dotate del Kickdown, un congegno che scala alla marcia più bassa quando si premono bruscamente l’acceleratore o il freno, in modo da facilitare la ripresa o l’arresto.

Due automatismi sono presenti anche nella doppia trazione, che si disinnesta quando si è sotto i mille giri o si frena a meno di 10 km/h, e nella trazione integrale automatica, che innesta il 4wd per un secondo nelle partenze da fermo e mentre si cambia marcia. I dispositivi sono stati pensati rispettivamente per facilitare i lavori che prevedono continui arresti e partenze e per dare spinte aggiuntive al trattore. La trasmissione è infine dotata di ponte anteriore sospeso con sistema idropneumatico, per rendere la marcia il più lineare possibile, soprattutto su strada.

Molto efficiente anche l’impianto idraulico, che è forse l’elemento più di spicco dell’N121 Advance, con la sua pompa load sensing da 115 litri al minuto. I distributori, al massimo a quattro più due vie on/off, sono comandati da un joystick e da alcune levette presenti sul bracciolo. L’elettronica controlla anche il sollevatore, che ha una portata di 77 quintali e le funzioni di interramento rapido, regolazione della profondità, dello slittamento e dell’altezza massima di sollevamento, e controllo della velocità di interramento.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati da *


Chi siamo

Agrinotizie.com è un portale di informazione gratuita dedicato al settore dell’agricoltura, nato nel 2010 come servizio per le imprese agricole e gli operatori del settore.


0549 902240

INVIA UNA MAIL


Seguici su Facebook



Newsletter